Bookinsicily Logo

Enogastronomia

In un vino siciliano il racconto di un antico luogo segreto

Guida Sicilia Icona orologio 21 giorni fa
In un vino siciliano il racconto di un antico luogo segreto
  • Scopri le aziende vitivinicole presenti in Sicilia - CLICCA QUI

Non poteva esserci luogo migliore dell'Orto Botanico di Palermo per presentare il nuovo packaging, le nuove etichette e le virtuosissime bottiglie "Cento per cento Sicilia" dei vini "La Segreta" di Planeta: uno spazio di Natura dove celebrare l'intimo dialogo con la Natura che da sempre ispira Planeta, dentro e fuori la bottiglia.

Con la volontà di sottolineare una ricerca della qualità costante e priva di compromessi, sempre orientata al rispetto per l'ambiente e alla valorizzazione della biodiversità, il restyling ha attinto dal lavoro di un siciliano illustre, Giuseppe Riggio, che tra fine '700 e inizio '800 realizzò, con l'aiuto di un pittore, un "erbario picto" che rappresenta con grande precisione e poesia il patrimonio floristico dell'Isola.

"La Segreta" Planeta - ph Paola Licciardello

Nasce così la nuova veste grafica de La Segreta, frutto della collaborazione con lo studio di design Rovai Weber che ha saputo interpretare al meglio la sensibilità di Planeta nel racconto di una Sicilia nuova, attenta alla sostenibilità e piena di speranza.

"La Segreta" Planeta - ph Paola Licciardello

  • Se vuoi conoscere le enoteche dell'Agrigentino CLICCA QUI

Da sempre intimamente legata al territorio e ai suoi luoghi di provenienza, Planeta esprime con le nuove etichette La Segreta il suo legame con la Madre Terra, benefattrice generosa e magnanima, i cui frutti possono essere colti da chi ha occhi vigili e coscienza rispettosa. La grafica racconta un alfabeto di erbe, fiori e radici, espressione di una bellezza nascosta e potente che si svela solo a coloro che sanno ammirarla, ricchezza olfattiva e gustativa che si manifesta appieno nei vini.

Le origini de La Segreta

Il fortino arabo di Mazzallakkar, sulle sponde del lago Arancio a Sambuca di Sicilia

  • Vuoi conoscere le cantine vinicole della provincia di Agrigento? CLICCA QUI

Attorno al fortino arabo di Mazzallakkar, sulle sponde del lago Arancio a Sambuca di Sicilia, si trova un bosco nascosto alla vista che si scopre solo addentrandosi tra le fronde di olmi e allori, all'interno della tenuta Ulmo.
Camminando lungo il sentiero nel bosco, si arriva a una sorgente dove un tempo i viaggiatori trovavano ristoro durante la notte: uno spazio segreto accessibile solo ai più curiosi, un luogo mitico per la famiglia Planeta dove tradizionalmente adulti e bambini trascorrevano campeggiando un breve soggiorno alla scoperta della natura e delle sue bellezze.

Qui, un giorno di molti anni fa, Diego Planeta comunicò alla famiglia la sua intenzione di coltivare la vigna e dare inizio alla straordinaria storia di viticoltura ed enoturismo oggi conosciuta in tutto il mondo.

La Cantina Planeta a Ulmo, Sambuca di Sicilia

La Segreta nasce quindi nel 1995 con i primi vini e diventa una vera e propria linea nel 2017, con l'arrivo del Grillo e del Nero d'Avola in purezza. Una linea da sempre prodotta esclusivamente con le vigne di proprietà da secoli della famiglia Planeta, coltivate con passione e totale dedizione all'ambiente. Inizialmente legata graficamente a una antica mappa settecentesca descrittiva dei luoghi, a sottolineare una presenza antica e radici profonde, oggi si presenta in una veste totalmente nuova e raffinata.

"La Segreta" Planeta - ph Paola Licciardello

I vini La Segreta sono, come l'intera produzione Planeta, certificati in biologico dal 2022. Si aggiunge la certificazione SOStain, programma di sostenibilità creato e formalizzato dall'omonima fondazione creata nel 2011 che racchiude nel suo disciplinare 10 punti cardine che vanno dalla gestione del vigneto al consumo energetico, dalla scelta delle materie prime locali alla trasparenza nella comunicazione.

Planeta è un'azienda agricola con una storia di diciassette generazioni e tra le più importanti in Sicilia: 371 ettari di vigneto e sette cantine dislocate in cinque territori (Menfi, Sambuca di Sicilia, Vittoria, Noto, Etna e Capo Milazzo); 151 ettari di oliveto con un frantoio posto proprio al centro della proprietà; altre coltivazioni quali mandorlo e grano duro, tutte in regime biologico.

Condividi subito l'articolo via:

Powered by Logo FreeCom S.r.l.
Bookinsicily è una piattaforma che raccoglie tutte le news presenti sul web che riguardano il turismo in Sicilia.
Bookinsicily © v1.0.5