Bookinsicily Logo

Cultura

Nelle campagne netine c'è un museo dove passato e futuro s'incontrano

Nelle campagne netine c'è un museo dove passato e futuro s'incontrano
  • Hai una struttura ricettiva o un'attività turistica che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

Un luogo dove esplorare il passato attraverso le storie delle persone che lo hanno attraversato, i loro segni, oggetti, il loro contributo alla costruzione di una comunità. Allo stesso tempo, uno spazio per mettere insieme i frammenti di senso del presente e costruire un futuro orientato ai valori della relazione e della sostenibilità… 

È tutto questo il MAT - Museo Antropologico di Testa dell'Acqua che ha aperto le porte a fine giugno in contrada Mezzo Gregorio, nella frazione di Testa dell'Acqua, a Noto (SR).

Un luogo dove esplorare il passato attraverso le storie delle persone che lo hanno attraversato, i loro segni, oggetti, il loro contributo alla costruzione di una comunità. Allo stesso tempo, uno spazio per mettere insieme i frammenti di senso del presente e costruire un futuro orientato ai valori della relazione e della sostenibilità…

  • Vuoi soggiornare a Noto? Trova le strutture ricettive presenti in città - CLICCA QUI

Un'idea nata raccogliendo esperienze e visioni in giro per il mondo, maturata nei lunghi anni che Anna Raudino e il compagno Aldo Turco - archeologa lei e biologo marino lui - hanno maturato in Australia, dove hanno vissuto e lavorato per più di dieci anni.
Ancora in Australia, decidono di dar forma alle loro idee investendo su un casolare di famiglia sito in un'area dalla forte connotazione storico-naturale che hanno trasformato in uno spazio museale.

IL PROGETTO MAT

Una grande sala espositiva concepita per essere uno spazio dell'educazione emozionale con installazioni artistiche e oggetti antichi...

  • Scopri i musei, le gallerie d'arte e le dimore storiche del Siracusano - CLICCA QUI

Una grande sala espositiva concepita per essere uno spazio dell'educazione emozionale con installazioni artistiche e oggetti antichi, per guidare i visitatori alla ri-scoperta della storia, delle persone e delle cose che qui si sono incontrate e per entrarvi in comunione.

Si può ascoltare la storia della tessitura e dell'intreccio, mentre si annusa una boccetta di odori siciliani nascosta in un cassetto, o mentre si manipolano oggetti ormai in disuso...

La visita è stata pensata perché possa essere svolta in totale autonomia, con l'ausilio di codici qr code con oltre 70 schede d'approfondimento che accompagnano con uno storytelling accurato la comprensione del percorso sensoriale offerto.

Campeggia al centro della stanza una grande radice color indaco che, pensata come opera viva, "esce" dalle pareti per proseguire il suo intricato percorso...

Si può ascoltare ad esempio, la storia della tessitura e dell'intreccio, mentre si annusa una boccetta di odori siciliani nascosta in un cassetto, o mentre si manipolano oggetti ormai in disuso.
Il percorso digitale è stato realizzato in collaborazione con izi.travel coordinato da Elisa Bonacini.

Il percorso continua all'esterno: due gli ambienti rupestri, di origine bizantina, che si possono visitare...

  • Vuoi conoscere le gallerie d'arte di Siracusa e provincia? CLICCA QUI

Campeggia al centro della stanza una grande radice color indaco che, pensata come opera viva, "esce" dalle pareti per proseguire il suo intricato percorso: viene da lontano, dal passato, da uno spazio nascosto da cui tutto ha avuto origine. L'artista, Nicola Indaco, l'ha immaginata viva e la radice continuerà a crescere insieme al MAT nel corso dei mesi e degli anni.

Tutte le opere traggono vita dalla radice, come l'opera di Marilù Cecchini, 7,83 Hertz, che esplora le frequenze della terra e la connessione natura-uomo.

Il percorso si completa con la visita alla serra di acquaponica, che offre un esempio di produzione sostenibile e rispettosa delle tecniche di coltura qui per secoli praticate...

Il percorso continua all'esterno: due gli ambienti rupestri che si possono visitare - di origine bizantina -, che sono anche lo spazio per fruire dell'esperienza di realtà aumentata realizzata in collaborazione con Sebastiano Deva, accompagnati da una saggia majara che svela le forze dell'umano e dell'universo.

  • Scopri le aziende agricole presenti a Noto - CLICCA QUI

Il percorso si completa con la visita alla serra di acquaponica, che offre un esempio di produzione sostenibile e rispettosa delle tecniche di coltura qui per secoli praticate.

IL TERRITORIO DEL MAT

Adagiato su un pianoro roccioso a picco sulle vallate sottostanti, il Museo Antropologico di Testa dell'Acqua domina un vasto panorama che nel tempo ha visto fiorire le più belle pagine della nostra storia archeologica...

  • Organizza la tua escursione nel Siracusano - CLICCA QUI

Adagiato su un pianoro roccioso a picco sulle vallate sottostanti, il MAT domina un vasto panorama che nel tempo ha visto fiorire le più belle pagine della nostra storia archeologica: dalla cultura dell'età del bronzo di Castelluccio sino agli insediamenti rupestri di epoca bizantina, passando poi attraverso Arabi e Normanni fino al più recente passato di respiro agro-pastorale.

LA VISIONE DEL MAT

MAT - Museo Antropologico di Testa dell'Acqua

  • Vuoi soggiornare a Noto? Trova le strutture ricettive presenti in città - CLICCA QUI

Al MAT il rapporto con le comunità di eredità è stato costruito attraverso una parola chiave: SOSTENIBILITÀ.
Economica, ambientale e sociale, la sostenibilità che qui si pratica è frutto dell'ascolto delle società che qui hanno attivato processi di armoniosa antropizzazione, integrati con un necessario avanzamento tecnologico. L'utilizzo del digitale rappresenta una naturale estensione dell'itinerario che siamo inviati a compiere: ripensare alla tradizione non come qualcosa di fittizio e lontano, forse perso per sempre, ma come "nuovo spazio di incontro", dove vengono capovolti il tempo e lo spazio dell'esperienza.

I SERVIZI DEL MAT

Il MAT non è solo museo, ma anche luogo di scoperta, possibilità di esplorazione naturalistica, punto di riferimento per eventi culturali...

Il Museo Antropologico di Testa dell'Acqua è uno spazio polifunzionale. Non solo museo, ma anche luogo di scoperta, possibilità di esplorazione naturalistica, punto di riferimento per eventi culturali. Vivere MAT vuol dire sperimentare la bellezza della campagna di Noto, i suoi sapori ed odori.

È possibile visitarlo dal martedì alla domenica, tra le 17 e le 21, oppure partecipando agli eventi promossi e/o prenotando delle visite di gruppo per famiglie, visitatori e scolaresche.

- www.matmuseo.com

Condividi subito l'articolo via:

Powered by Logo FreeCom S.r.l.
Bookinsicily è una piattaforma che raccoglie tutte le news presenti sul web che riguardano il turismo in Sicilia.
Bookinsicily © v1.0.5