Bookinsicily Logo

Enogastronomia

Alla scoperta della Sicilia Sud-occidentale

Guida Sicilia Icona orologio 23 giorni fa
Alla scoperta della Sicilia Sud-occidentale
  • Hai una struttura ricettiva o un'attività turistica che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

Scoprire a Selinunte il più grande parco archeologico di Europa, conoscere la Sicilia maestosa del Gattopardo e quella ferita dal terremoto del Belice. Oppure andare a ritroso lungo l'antica rotta dei Fenici, senza tralasciare le eccellenze enogastronomiche, come il pane nero di Castelvetrano, l'olio extravergine Nocellara del Belice, le sarde del litorale di Sciacca, le arance di Ribera, e arrivare fino alla strada del vino di Menfi.

Sciacca

  • Vuoi mangiare a Sciacca? Trova i ristoranti e i locali presenti in città - CLICCA QUI

Sono solo alcuni degli itinerari possibili nella Sicilia sud-occidentale che il Distretto turistico "Selinunte, il Belice e Sciacca Terme" valorizza e fa scoprire ai turisti. A essere coinvolti sono 18 comuni nelle province di Trapani e Agrigento (Vita, Santa Ninfa, Partanna, Salaparuta, Poggioreale, Castelvetrano-Selinunte, Menfi, Montevago, Santa Margherita Belice, Sambuca di Sicilia, Giuliana, Sciacca, Caltabellotta, Ribera, Cattolica Eraclea, Calamonaci, Montallegro, Siculiana) e decine di aziende private.

Chiesa di San Domenico, Castelvetrano

  • Vuoi conoscere le cantine vinicole della provincia di Trapani? CLICCA QUI

Capofila del distretto è il comune di Castelvetrano, dove si trova la chiesa di San Domenico, talmente maestosa nel suo manierismo da essere chiamata "la Cappella Sistina di Sicilia". Tra i tesori da scoprire all'interno del Distretto, il mare di Sciacca con la storia dell'Isola Ferdinandea, che emerge e scompare tra i flutti per un fenomeno vulcanico registrato per l'ultima volta nel 1831.

Caltabellotta

  • Vuoi soggiornare nel Trapanese? Trova le strutture ricettive del territorio - CLICCA QUI

Dalla costa ci si può spostare a Caltabellotta (Ag) sulle tracce degli antichi Sicani, Punici, Elleni, Arabi e Normanni a quasi 959 metri sul livello del mare. Citata nel Decameron di Boccaccio, definita da Goethe "straordinaria per la sua posizione", e terra fertile per il geografo arabo Edrisi, Caltabellotta è famosa per la pace firmata tra Angioini e Aragonesi nel 1302.

  • Vuoi soggiornare nell'Agrigentino? Trova le strutture ricettive del territorio - CLICCA QUI

Per scoprire invece la Sicilia del Gattopardo, occorre andare nel comune di Santa Margherita Belice. All'interno di quello che era il palazzo dei principi Filangeri di Cutò, antenati dello scrittore Giuseppe Tomasi di Lampedusa, si trovano il municipio e il museo del Gattopardo. Il complesso del palazzo Filangeri Cutò secondo Giuseppe Tomasi era una sorta di "Vaticano con stanze e appartamenti di rappresentanza, teatro e chiesa privati, un grande orto e giardino" distrutti il 15 gennaio del 1968 dal terremoto del Belice.

Museo della Memoria di Santa Margherita, sui ruderi dell'ex Chiesa Madre

  • Sei interessato all'artigianato artistico realizzato in provincia di Agrigento? CLICCA QUI

La tensione alla conservazione del proprio patrimonio culturale e la ricerca di modernità convivono oggi all'interno del museo della Memoria di Santa Margherita, sui ruderi dell'ex Chiesa Madre, con immagini, giornali d'epoca e contributi multimediali che descrivono ai più giovani quegli "accumuli di memorie", descritti da Vincenzo Consolo, di colpo diventati "terreno nudo e vago" per il terremoto, "forza d'una maligna natura".

Condividi subito l'articolo via:

Powered by Logo FreeCom S.r.l.
Bookinsicily è una piattaforma che raccoglie tutte le news presenti sul web che riguardano il turismo in Sicilia.
Bookinsicily © v1.0.5